Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 8 agosto 2017

Albrect (IPMI): La domanda di Platino ricevera' un colpo massiccio col passaggio alle auto elettriche

Googletraduco le previsioni FOSCE per i platinoidi che vengono espresse in questo articolo: 

Reuters (12 luglio 2017) - La domanda di platino ha un impatto massiccio dalla crescita dell'automobile elettrica: IPMI 
LONDRA (Reuters) - Take-up di auto elettriche potrebbe risultare più devastante per gruppo del platino domanda metalli di fotografia digitale è stato per l'argento, Bodo Albrecht, presidente del Istituto Internazionale dei Metalli Preziosi [IPMI.. questo istituto non l’avevo mai sentito nominare sinora. Er], ha detto alla Reuters Forum globale oro il Mercoledì.

La domanda d'argento dalla fotografia scivola da oltre 7.000 tonnellate all'anno alla fine degli anni '90 a appena 45 tonnellate l'anno scorso.

L'uso della tecnologia a cellule a combustibile a carburante a platino nel mercato delle auto elettriche sta crescendo troppo lentamente per compensare la domanda di autocatalizzatore in calo, ha detto Albrecht.

Si parla di come l’uso dell’argento nella fotografia (pre-digitale) fosse di 7.000 tonnellate l’anno (!!) e ormai siamo ridotti a solo 45 tonnellate l’anno per lo sviluppo delle foto. E di come una storia analoga si potra’ vedere nei platinoidi (:O)

I seguenti sono estratti modificati dalla conversazione:

Q: Morgan Stanley ha detto di recente il loro caso base per l'assorbimento veicolo elettrico è stato per il 47 per cento delle nuove auto per essere elettrica della batteria entro il 2050. Come si aspetta il mercato delle auto a celle a combustibile a guardare per allora?

R: Questa prospettiva può essere pessimistica. Credo che vedremo un punto di ribaltamento verso l'elettrificazione entro il 2040 al più tardi. Per quanto riguarda le auto a celle a combustibile, penso che la corsa nel settore dei veicoli leggeri sia stata persa a batteria elettrica. È un momento "Betamax".

Ok, si parla di un 47% di tutte le auto che saranno, prevede MS, elettriche nel 2050. Faccio notare che a mio avviso quel 47% potrebbe essere di una torta molto piu’ piccola di quella di oggi (vedi post precedenti), un sacco di auto a benza semplicente NON saranno sostituite da elettriche o H2, per ragioni di costi. 

Il tipo dell’IPMI dice che secondo lui le auto leggere saranno per lo piu’ a batteria (Tipo Tesla), ma i mezzi piu’ grossi ad idrogeno (fuel cells).

D: È la barriera più grande per assorbire maggiormente la mancanza di infrastrutture?

R: Sì. La tecnologia, l'idrogeno elettrico o la batteria elettrica, ha senso solo se l'energia utilizzata viene prodotta in modo sostenibile e non inquinante. Sono necessari grandi impianti solari per entrambi.

Comunque vada sia H2 che a batteria avranno bisogno di immensi impianti solari (e vedi i probleMINI del post dell’altro gg) 

D: Le celle a combustibile possono sostituire la domanda di platino caduta dai produttori di autoveicoli per i catalizzatori diesel negli anni a venire?

A: Temo di no. Se si tiene presente che il 40 percento di tutti platino e il 75 percento di tutti palladio e rodio sono attualmente utilizzati nei catalizzatori di controllo delle emissioni, le celle a combustibile idrogeno non saranno in grado di compensare questa quantità.

D: Quanto potrebbe essere sostituito approssimativamente?

R: La mia ipotesi sarebbe il 10-20 per cento della domanda di industria automobilistica.

Si, avete capito bene: il tipo pensa che la domanda attuale di Platino e Palladio per l’automotive (il 40% del Platino e il 75% del Palladio va in marmitte catalitiche oggi) crollera’ con l’avvento delle auto elettriche. In effetti a me risulta semmai l’uso di un po’ di argento nelle celle a combustibile (H2), come in qualsiasi cosa che abbia a che fare con l’elettricita’ (l’argento e’ solo il miglior conduttore termico ed elettrico dell’universo ... a parte il grafene o altri prodotti superconduttori da nuove tecnologie!) ma quanto a platinoidi ... 

D: Quanto domanda di platino prevede che le celle a combustibile possano rappresentare per un decennio?

R: Ci sarà praticamente nessun impatto notevole sui mercati del platino da questa applicazione. Piuttosto che guardare l'opportunità della tecnologia elettrica a idrogeno, ciò che dobbiamo preoccuparci è la sostituzione dei metalli del gruppo platino con le tecnologie elettriche a batteria. L'impatto sull'industria dei metalli preziosi sarà enorme.

D: Quanta domanda potrebbe essere persa in questo settore, a suo avviso, e in quale periodo di tempo?

R: Possiamo perdere letteralmente tutte le quantità menzionate nel consumo mondiale - il 40 per cento del platino, il 75 per cento di palladio e rodio. Farà scuotere l'industria più del crollo della fotografia d'argento.

Capito perche’ si ricordava l’uso dell’argento nel settore fotografico, fino a 2-3 decenni fa uno degli usi principali dell’argento, e ormai ridotto al lumicino oggi? Una cosa analoga viene qui prevista per i platinoidi (anche il Rodio) tout court. Anzi, dice che sara’ anche peggio dell’impatto delle foto digitali sull’argento (!!!).


Lasso di tempo? Alcuni dicono già nel 2023, altri dicono 2040. La verità sarà da qualche parte al centro. Non molto in entrambi i casi.
Ok, qui mi pare che esageri, ad un mondo ad auto preponderantemente elettriche entro 6 (!?!) - 23 anni credo poco, credo che bruceremo tutti gli idrocarburi possibile senza cambiare paradigma, per forza, alla fine. Per esempio poi ci sono anche GPL, Metano ...  comunque: sti cazzi! ..... fa vedere a quanto sta il Palladio mo, che era salito ... c’e’ da pensare a vendere temo, almeno nel lungo-lunghissimo periodo. Resta da sperare nel settore giojelli-lusso e nell’inaffidabilita’ del sistema finanziario ed economico mondiale attuale. Sorry Nsx :(


8 commenti:

  1. Io ti seguo fin' da quando hai aperto il blog,mi ricordo di Alex,il Gemmologo,Mario di Roma ecc.Agli inizi,ti trovavo un pò ingenuo,ma devo riconoscere che sei cresciuto tantissimo.Peccato che alla gente(in generale)di quello che tu scrivi non gliene freghi un cazzo.La gente prende le cose come vengono e segue sempre la stessa strada,anche se è una strada che porta alla rovina.
    Ciao,complimenti e in bocca al lupo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, all’inizio era un tantinello troppo bullish magari :D ... sai, mi dovevo un po’ adattare al pubblico di RC :o

      Mario di Roma! Mitico! A ma’, seccesei batti un colpo!! :D

      Sul fatto che alla gente freghi un cazzo e capisca spesso anche meno ... e’ questo, per esempio, che mi fa propendere sempre di piu’ per l’idea che un gold standard non tornera’ mai (e quindi stare a sperare in questo per una salita dei prezzi... mmmm). Poi chissa’, magari non abbiamo idea della potenza di un cambio di paradigma storico possibile prossimo venturo... chi vivra’ vedra’.

      thanks e crepi ;)

      Elimina
  2. Sempre previsioni difficili, siccome dipendono da scoperte future.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, qui non si parla di scoperte future ma di DOMANDA. In effetti prima o poi le marmitte catalitiche non serviranno piu’, gradualmente, in lustri e decenni, ma alla fine PER FORZA i motori a scoppio non resteranno che un ricordo, ravvivato magari da feste “con le vecchie auto del XX secolo” tipo i raduni storici di oggi di auto d’epoca. Fra 100 anni ci sara’ probabilmente solo qualche milionario che fara’ ancora rombare i motori delle sue Ferrari e Maserati con quel poco di petrolio che verra’ ancora prodotto a prezzi assurdi per pochi collezionisti danarosi.

      Quindi SI, in generale mi convince assai che Pd e Pt non avranno un grandissimo futuro di prezzo, soprattutto il Pd, che non ha grandi usi in gioelleria. Ora sta a quasi 900 usd/oz, quasi massimo storico. Ok, mi sa che provo a vendere il mio Maple Palladio (sigh!... prima fare foto ai 4 maple Ag, Au, Pt e Pd che ho e poi vendere). Per il pajo di once Pt che ho anche quelle vendere, ma non ora, speriamo in un rialzo (magari una fiammata per crisi stile Lehman prossima ventura)

      Elimina
    2. Si sta comunque parlando di parecchi anni, è questo che non mi convince.

      Elimina
    3. Beh, si, certo, DECENNI .. ma alla fine PER FORZA i motori a scoppio, beh, ciao, roba da museo.... anche se un lontano di andremo a caricare astronavi-botte di metano su qualche pianeta del sistema solare .. sara’ gas o metano, non petrolio (vegetali ed animali marciti, sostanzialmente. Quindi solo su un pianeta VIVO ci potrai mai essere petrolio)

      Elimina
  3. Sapevo ti sarebbe interessata l'intervista;) cmq si, fa abbastanza impressione leggere queste proiezioni. Soprattutto se a dirle non e il primo che passa in convento. Da amante dei PGM non fa sicuramente piacere leggere cose simili, ma bisogna essere obbiettivi.

    Che la domanda odierna dell' automotive non possa essere rimpiazzata dall'elettrico e idrogeno non c'è dubbio. Ma le previsioni nel medio-lungo periodo sull uso delle elettriche/H2 in futuro mi sembrano quantomeno ottimiste.
    Detta così sembra quasi che sia iniziato il fuggi fuggi dal motore a scoppio. Poi però vai a vedere i dati e scopri che l'automotive nel 2016 ha registrato l'ennesimo record di vendite e le previsioni non accennano a rallentamenti. Solo nel 2016, in Cina le vendite di auto sono cresciute del 14%. È stiamo parlando del più grande acquirente del mondo, in piena espansione.
    Poi...Vogliamo parlare dell enorme domanda di litio che comporterebbe una conversione del 47% nell' elettrico/H2? Costi di smaltimento, ENERGIA necessaria per ricaricare tutti i veicoli? E per tutto il traffico pesante (camion)? Anche quelli elettrici o ad idrogeno? La vedo difficile...
    Inoltre, apparte l' automotive il Pt gode di una domanda in gioielleria che è in crescita da 40 anni, l' investment e l'uso industriale anch'essi in crescita.
    Il fatto che la produzione sia in declino ed estremamente concentrata (80% dell' estrazione in Sud Africa, dove ci sono stati i maggiori problemi), imho rende possibile che il prezzo possa fare ancora degli spikes importanti, così da dare occasioni di profitto.

    Poi magari il tizio ha ragione e prezzi si dimezzeranno... in tal caso, mi godrò delle belle oz in platino a 500$ xD
    Io del Pt non me libero, mi piace troppo. Per il Pd invece sto facendo un pensiero di qualche futura vendita ora che siamo abbastanza alti.

    Nsx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ma le previsioni nel medio-lungo periodo sull uso delle elettriche/H2 in futuro mi sembrano quantomeno ottimiste.”

      anche secondo me (come sai :D)

      ma infatti, sia chiaro, anche secondo me queste previsioni - in un modo o nell’altro veritiere, alla lunga (decenni almeno) - non significano che non vedremo, che so, il platino a 5000 usd/oz e simili. Se salta tutto la finanza globale peggio del 2008 qualsiasi BENE REALE potra’ conservare un valore che magari le valute fiat-bit-cripto ciao

      Elimina